Sabato 18 Novembre 2017
Menu Principale
Sezione di Preistoria, Etnografia e Storia Naturale
Iscrizione al sito
Utenti in linea
No
Dona all'ISL

Se vuoi poi fare una donazione

Amount: 

Powered by OSTraining.com

Home Storia della Sezione Anno 1998
Notizie flash
Anno 1998 PDF Stampa E-mail

Share


 

Istituzione della Sezione

Sezione Speciale di Preistoria, Etnografia e Storia Naturale (18 ottobre).

 

In conseguenza di una precedente intensa attività svolta dalla Sede Centrale in particolare con la Sezione Territoriale di Capannori, è stata recentemente istituita la “Sezione Speciale di Preistoria, Etnografia e Storia Naturale”. L’atto di costituzione è stato formalmente firmato il 19 ottobre 1998 alla presenza del Presidente dell’Istituto Antonio Romiti, del Tesoriere Franco Lencioni e di un nutrito numero di Soci Fondatori, ovvero Giovanna Casali, Lorenzo Chelazzi, Lidia Dalle Noci, Paolo Fazzi, Tiziana Fratini, Roberto Giovannini, Angelo Lippi, Paolo Mencacci, Marco Claudio Mezzetti, Enrico Pappalettere, Silvia Pierotti, Rosa Romiti, Elisabetta Santini, Paolo Emilio Tomei, Rita Elisabetta Uncini Manganelli, Arturo Verga, Giulio Verga, Michelangelo Zecchini .

La Sezione è nata con l’intento di creare uno spazio a disposizione per quei Soci che vogliano intraprendere particolari percorsi di studi, orientati verso fasi originarie della storia e con particolare attenzione all’antropologia ed alla storia naturale.

 

 

Nomina delle cariche

Elezioni del Consiglio Direttivo, del Direttore e della Giunta Esecutiva.

 

L’Assemblea dei Soci della Sezione di Preistoria, Etnografia e Storia Naturale nel corso della seduta dl 19 ottobre ha provveduto all’elezione del Consiglio Direttivo che è risultato così composto: Giovanna Casali, Lorenzo Chelazzi, Lidia Delle Noci, Paolo Fazzi, Tiziana Fratini, Roberto Giovannini, Angelo Lippi, Paolo Mencacci, Marco Claudio Mezzetti, Enrico Pappalettere, Silvia Pierotti, Rosa Romiti, Elisabetta Santini, Paolo Emilio Tomei, Rita Elisabetta Uncini Manganelli, Arturo Verga, Giulio Verga, Michelangelo Zecchini.

Il Consiglio Direttivo, riunitosi immediatamente al termine dell’Assemblea, ha nominato Marco Claudio Mezzetti nella carica di Direttore della Sezione.

Il Direttore ha immediatamente proceduto alla nomina degli altri membri della Giunta che è risultata formata da Marco Claudio Mezzetti Direttore, Angelo Lippi Vice Direttore, Tiziana Fratini Addetto Culturale, Roberto Giovannini Addetto Stampa, Rosa Romiti Segretaria.

Alla Direzione della Rivista “Paralleli e Meridiani” è stata nominata Tiziana Fratini. L’Assemblea ha istituito inoltre tre Commissioni Speciali rispettivamente: Preistoria con Commissario Michelangelo Zecchini, Etnografia Storica con Commissario Lorenzo Chelazzi e Storia Naturale con Commissario Paolo Emilio Tomei.

 

 

Mostra Etnografica

Mostra etnografica dedicata a Carlo Piaggia (9 maggio-6 giugno).

 

In collaborazione con la Sezione di Capannori, con il Patrocinio e la Collaborazione di: Ministero degli Affari Esteri, del Ministero Beni Culturali e Ambientali, della Regione Toscana, della Provincia di Lucca, della Banca del Monte di Lucca, del Museo Preistorico Etnografico “L. Pigorini” di Roma, dell’Orto Botanico del Comune di Lucca, del Liceo Classico “N. Machiavelli” di Lucca, dell’Associazione Culturale “Ponte” di Capannoni, la Sezione Speciale di Preistoria, Etnografia e Storia Naturale ha allestito la Mostra Etnografica dedicata a Carlo Piaggia, curata da Tiziana Fratini e Marco Mezzetti, i quali si sono occupati anche delle molte visite guidate dedicate specialmente alle scuole.

La Mostra, che è rimasta aperta dal 9 maggio al 6 giugno, ha preso spunto dalla precedente edizione intitolata Carlo Piaggia, un esploratore italiano del XIX secolo in Africa, curata dall’Istituto Storico Lucchese, presentata a Capannori nel novembre - dicembre 1982. Si trattò di una iniziativa itinerante che fu presente nei seguenti luoghi: Nairobi (1979), Dublino (1980), Il Cairo (1981), Alessandria d’Egitto (1981), Addis Abeba (1981), Mogadiscio (1981), Coreglia (1983), Bakolori – Nigeria (1983), Goronyo - Nigeria (1983), Kano - Nigeria (1983).

Al termine di tali percorsi, i pannelli fotografici di questa Mostra rimasero per ben 15 anni chiusi in quattro bauli metallici, acquistati dall’Istituto Storico Lucchese a Nairobi e solo nel maggio del 1997 furono riaperti: l’imballaggio portava ancora i timbri e i sigilli dell’Ambasciata Italiana a Mogadiscio.

Nel gennaio del 1998 alla Scuola Media “Carlo Piaggia” sono pervenuti dall’Istituto Storico Lucchese altri materiali, soprattutto oggetti dell’artigianato Zande (Niam - Niam), dalla manifattura non dissimile a quella in uso un secolo prima, raccolti durante la spedizione curata dall’Istituto Storico Lucchese nel 1982 “Sulle orme di Carlo Piaggia” e composta da Antonio Romiti, Giorgio Tori, Aldo Mencarini, Roberto Giovannini e Fabio Santucci. L’esposizione di questi oggetti ha consentito di porre l’attenzione sugli usi e i costumi di alcune tribù dell’Africa centrale, in particolare gli Azande, presso i quali l’esploratore capannorese, primo Europeo, si trattenne per circa un anno e mezzo, familiarizzando e conquistando la loro stima, tra il 1863 e il 1864, durante il suo secondo viaggio in Africa.

A completamento della Mostra è stato pubblicato, a cura di Tiziana Fratini, un testo su Carlo Piaggia e il suo viaggio fra gli Azande (Niam - Niam). Contributi in onore di un esploratore italiano del secolo XIX, Capannori, 1998 che, ricco di illustrazioni, dopo il Saluto delle Autorità, contiene i seguenti contributi: Ilio Micheloni, Premessa. Alessandra Maraccini, Premessa. Giuseppe Fanucchi, Premessa. Tiziana Fratini, Introduzione. - Antonio Romiti, Carlo Piaggia. Un solitario alla scoperta dell’Africa. - Sandra Puccini, I diari di Carlo Piaggia nel quadro dei resoconti di viaggio italiani dell’800. - Marco Claudio Mezzetti, Tre documenti inediti di Carlo Piaggia. - Gino Barsella, Inquadramento storico e geografico del Sudan. - Pietro Ravasio, Gli Azande ieri e oggi. - Roberto Giovannini, Nella terra dei Niam - Niam sulle orme di Carlo Piaggia. - Paolo Emilio Tomei, Osservazioni naturalistiche al lago Tana, sull’altopiano etiopico. - Rita Elisabetta Uncini Manganelli, (Oro) Incenso e Mirra. - Bibliografia Per leggere l’Africa.

 

 

Presentazione

Le memorie di Carlo Piaggia (16 giugno)

.

La Sezione Speciale di Preistoria, Etnografia e Storia Naturale ha organizzato presso la Scuola Media di Capannoni, il 16 giugno, la presentazione del volume Le memorie di Carlo Piaggia. Nuovi contributi alla conoscenza dell’esploratore di Badia di Cantignano (pp. 1-253).

Curato dalla Commissione di Etnografia, in collaborazione con la Sezione di Capannori e con l’Amministrazione Comunale, edito dal Comune di Capannoni, il volume costituisce il secondo numero della Collana “Studi Capannoresi” e contiene i seguenti contributi: Antonio Romiti, Carlo Piaggia, un personaggio ai limiti del mondo. - Marco Lenci, Omaggio a Carlo Piaggia. Note sul contributo lucchese alla conoscenza dell’Africa (secc. XVII-XX). - Paolo Marrassini, Il diario di Carlo Piaggia e la storia etiopica. - Leonardo Rombai, Un esploratore e geografo toscano di cultura popolana e “utopistica” meritevole di rivalutazione scientifica. - Mariano Pavanello, Carlo Piaggia etnografo. - Paolo Emilio Tomei, Le informazioni naturalistiche negli scritti di Carlo Piaggia: considerazioni preliminari.

 

 

Pubblicazione

Meridiani e Paralleli

A cura della Sezione Speciale di Preistoria, Etnografia e Storia Naturale è uscito il numero zero di Paralleli e Meridiani, collegato con “Actum Luce” Rivista di Studi Lucchesi, in collaborazione con la Sede Centrale. Il Giornale contiene sia rubriche fisse utili per aggiornare su Concorsi e pubblicazioni, sia articoli riguardanti viaggi e esperienze scientifiche. Interessante la rubrica “Caleidoscopio” che informa su argomenti di rilievo del momento e anche “Una parentesi di riflessione” che riporta ogni volta una frase importante di qualche studioso. In questo numero zero, la Redazione ha pensato che “la saggezza viene acquisita viaggiando, percorrendo i territori dell’alterità, esplorando le differenze, incorporando le diversità”, tratta da Noi primitivi di Francesco Menotti.